Audi E-Tron Sportback: prezzo e caratteristiche tecniche della nuova auto

nuova audi a3 2020

In arrivo la nuova vettura targata Audi. Si tratta del modello E-Tron Sportback. Scopriamone il prezzo e le caratteristiche.

A breve arriverà anche in Italia l’Audi E-tron Sportback, il nuovo modello di casa Audi che senza dubbio incontrerà il gradimento da parte degli automobilisti. Si tratta della versione coupé della suv elettrica di casa Audi. Costerà 2300 euro in più rispetto al modello precedente.

Per ciò che riguarda il design, ricordiamo che la parte anteriore rimarrà uguale. Il posteriore, invece, sarà ben differente. La nuova linea è 490 cm di lunghezza. Per ciò che riguarda, invece, il coefficiente aerodinamico CX, questo sarà migliorato, passando da 0,28 a 0,25.

Parlando di caratteristiche tecniche, ricordiamo che la trazione integrale è garantita dalla presenza di un motore elettrico da 135 kW. Tra gli optional, questo nuovo modello di casa Audi vede la presenza dei fari a led Digital Matrix, che di serie sono già Full Led. Essi riflettono la luce da circa un milione di microscopici spicchi, andando a sfruttare la tecnologia dei videoproiettori digitali. Si creano così degli effetti di luce davvero scenografici, che servono per migliorare la visibilità.

Il bagagliaio resta abbastanza ampio, anche se più piccolo del modello precedente: 550 litri contro i 600 precedenti. Il sottofondo è comunque capiente. Il divano è in tre parti reclinabile e con rivestimento di moquette. Tra i pregi vogliamo annoverare il grande comfort, con una rumorosità contenuta e con sospensioni pneumatiche che lavorano bene, così come la finitura dei materiali, che sono di grande livello. La guida è ancora molto facile ed intuitiva.

Lo sterzo ha, infatti, una grande precisione, con tanto di comportamento in curva progressivo. Le prestazioni sono di ottimo livello: lo scatto da 0 a 100 avviene in 5”7. Altro pregio della vettura è la grande silenziosità, che la rende così un’automobile anche molto rilassante da guidare. Il prezzo dovrebbe aggirarsi intorno ai 90.000 euro; l’autonomia dichiarata è di 446 km.

Mercato auto, grazie agli ecobonus si preferiscono le vetture elettriche

bonus auto

Gli italiani stanno già utilizzando l’ecobonus 2020. Le indagini rivelano come molti di loro si siano orientati verso le auto elettriche.

Mercato auto

E’ netta la prevalenza di scelta per le auto elettriche da parte degli italiani, come emerge dai dati che sono stati recentemente diffusi dal Ministero dello Sviluppo Economico. Molte persone hanno, infatti, registrato una preferenza di acquisto, senza la contestuale rottamazione dei veicoli usati. Si parla di quasi 11.000 auto comprate senza consegnare un vecchio modello in rottamazione, contro le poco più di 3000 unità acquistate con rottamazione.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, inoltre, afferma che la maggior parte dei veicoli che sono stati acquistati con l’ecobonus rientra nella fascia delle auto elettriche pure, cioè quelle che rientrano tra 0-20 g/km di Co2. Hanno, invece, riscontrato un successo minore le ibride plug-in, cioè quelle vetture che sono inserite nella fascia tra 21-70 g/km di Co2: di queste, infatti, vi sono state meno di 3000 prenotazioni, secondo i dati che provengono dal Ministero.

I contributi statali, ricordiamo, valgono dai 6000 euro ai 2500 euro per chi acquista un’auto elettrica “pura”. In alternativa, valida anche l’opzione ibrida ricaricabile ad una presa di corrente, con tanto di rottamazione di un vecchio veicolo. In caso contrario, l’incentivo scende da un massimo di 4000 euro fino ad un minimo di 1500 euro.

Sappiamo bene come la politica italiana sia attualmente divisa. Ci sono quelli che vorrebbero estendere il bonus ad una terza fascia di veicolo e quelli che, invece, vorrebbero mantenere tutto così.

Tra i primi c’è chi vorrebbe prevedere un bonus di 4000 euro (diviso tra contributo statale e sconto in concessionaria) per chi compra una vettura Euro 6 con rottamazione di un veicolo più vecchio di almeno 10 anni. Tale misura, ricordiamo, varrebbe fino al 31 dicembre 2020. In caso contrario, senza rottamazione il bonus verrebbe dimezzato. Il dibattito a livello politico ancora non si è concluso: dobbiamo, quindi, ancora aspettare per sapere di più su ciò che verrà deciso ufficialmente.

C4 Elettrica: la nuova automobile verrà svelata al pubblico il 30 giugno

citroen

Mancano ormai pochissimi giorni e tutti gli appassionati potranno scoprire i dettagli nella nuova C4 Elettrica. L’uscita è in programma per fine mese.

C4 Elettrica

E’ la stessa Citroen che, attraverso il social nwtwork Instagram, presso la propria pagina ufficiale francese, ha svelato la data di uscita della nuova C4 elettrica: l’appuntamento è per fine mese, più precisamente per il 30 giugno 2020. Si chiamerà ë-C4 e questo è tutto ciò che si conosce del nuovo modello in questione, intorno al quale c’è un vero e proprio alone di mistero. Non sappiamo, infatti, come sarà la nuova vettura a livello esteriore ed interiore. Sarà necessario, quindi, attendere le anteprime online per poterne sapere di più e per poter scoprire tutte le caratteristiche.

La C4 diventa elettrica, così come crossover. Sarà una novità e, quindi, la nuova segmento C permetterà alla casa francese di dare davvero una svolta. Al posto di un’auto classica troveremo un crossover che avrà un design tutto particolare, che le persone del settore definiscono anticonformista. Potrà, a sua volta, ospitare motori elettrici, tradizionali ed ibridi.

Da segnalare, contemporaneamente all’uscita della nuova C4 elettica, l’uscita di altri due modelli che tuttora sono in vendita. Non troveremo più la monovolume C4 SpaceTourer e la C4 Cactus. Possiamo, quindi, affermare con tutta sicurezza che il modello che uscirà a fine giugno 2020 andrà a sostituire questi due modelli citati. Si avrà, di conseguenza, un netto cambiamento dei listini.

E’ possibile che il nuovo modello abbia dimensioni ben più grandi rispetto a quelli della Cactus. L’altezza da terra ad esempio sarà maggiore: si parla di 4,35 metri, anche se non sono certamente dati ufficiali. E’ possibile che il modello, oltre ad essere più alto, sia anche più lungo. Sarà presente con tutta probabilità un muso più massiccio ed una carrozzeria spiovente, con coda alta e con il lunotto un po’ inclinato. Non rimane che attendere fine giugno per conoscere tutti i dettagli della nuova auto di casa Citroen.

Skoda Octavia Scout, la casa presenta il nuovo modello

skoda octavia scout

Presentata al pubblico la nuova Skoda Octavia Scout, che sarà acquistabile dai primi di luglio. Ecco le caratteristiche della nuovissima autovettura.

Skoda Octavia Scout

In arrivo la nuova Skoda Octavia Scout, dato il successo dei modelli Berlina e Wagon. Si tratta di una vettura in due ruote motrici, ma non è l’unica novità. Vi sono, infatti, molteplici varianti nell’ambito della carrozzeria, che rendono la nuova automobile unica nel suo genere. Scopriamole assieme.

Iniziamo con il dire che le dimensioni nella nuova Skoda Octavia Scout saranno più grandi. E’ lunga 4.703 mm e larga 1.829 mm, con presenza di assetto rialzato di 15 mm. L’abitacolo è ben più spazioso rispetto al modello precedente, con un vano bagagli da 640 litri.

I sedili sono in tessuto traspirante, i fari a matrice di Led e non mancano i vari sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida. La tecnologia a bordo è molto simile a quella dei modelli Wagon e Berlina. A livello esterno, possiamo subito notare i paraurti differenti e le protezioni dei passaruota. Molti dettagli sono in tinta argento, come le calotte degli specchietti, i mancorrenti del tetto, il diffusore posteriore. Previsti i cerchi di lega da 18” che, all’occorrenza, possono essere anche sostituiti con 19”. Se abbinata al Turbodiesel top di gamma 2.0 TDI 200 CV, la vettura Skoda Octavia Scout può addirittura trainare dei rimorchi fino a 2000 kg.

Per ciò che riguarda il motore, come dicevamo, presente la due ruote motrici così come la classica versione a quattro ruote motrici. Le versioni 4×4 sono tutte con il cambio automatico doppia frizione DSG a sette marce.
Da non dimenticare come il gruppo Skoda sia molto attivo sul mercato per puntare da sempre sulle migliori tecnologie disponibili. Le scelte che sono effettuate sono importanti dal lato ecologico, sia da quello dell’efficienza e della sostenibilità. Propone, infatti, una articolata gamma a metano. Ancora non sono ufficialmente usciti i prezzi della autovettura in questione, ma disponiamo soltanto di quelli relativi al modello berlina e al modello wagon.

Mercato auto dopo Coronavirus: calo di vendite di oltre il 70%

mercato auto

L’emergenza Coronavirus ha avuto un impatto molto negativo sul mercato auto. Ad aprile 2020 c’è stato un calo di vendite del 76,3%

Mercato auto

Come ha inciso il Coronavirus sul mercato auto? Con la maggior parte dei concessionari chiusi per tutto aprile, l’impatto è stato ovviamente negativo. Si stima che il numero di auto acquistate sia sceso a 270.682 unità rispetto alle 1.143.046 di aprile 2019.

A subire le perdite più significative sono state l’Italia e la Spagna, paesi in cui il Covid-19 ha fatto sentire di più nel mese di aprile la sua incidenza. Le immatricolazioni sono state in calo rispettivamente del 97.6% e 96,5%. Non si sono salvati nemmeno gli altri mercati europei, dove si sono registrati cali del 61,1% in Germania, mentre la Francia ha registrato una contrazione dell’88,8%.

Da gennaio ad aprile 2020, invece, la domanda delle nuove autovetture nell’Unione Europea (dove, ricordiamo, non è incluso il Regno Unito), ha avuto una contrazione del 28,5%, a causa del negativo impatto del Coronavirus. Le immatricolazioni sono, infatti, diminuite della metà in ben tre dei quattro mercati chiave dell’Unione Europa. Ci riferiamo soprattutto all’Italia, che ha registrato un -50,7%, alla Spagna (-48,9%), Francia (-48%) e Germania (-31%).

Non esistono ancora dati esaustivi per il mese di maggio 2020, ancora da terminare. I primi 15 giorni del mese, però, hanno registrato un -36% di vendite, corrispondenti a circa 32.000 vendite. La vettura più venduta nel periodo che intercorre tra il 1 maggio ed il 15 maggio è stata la Fiat Panda. Di questo modello sono stati, infatti, venduti 931 esemplari. In seconda posizione troviamo, invece, la Lancia Ypsilon, che ha venduto 54 esemplari, registrando così un +671,4% rispetto ai primi quindici giorni del mese di maggio 2019. Nelle altre posizioni ricordiamo anche la Jeep Compass e la Jeep Renegade.

Per ciò che riguarda, invece, il noleggio a lungo termine spicca la Fiat Tipo. Nella classifica del noleggio a breve termine troviamo, invece, al primo posto la Fiat 500X, con 16 esemplari, mentre la Fiat 500 ha avuto un incremento di 15 esemplari.